Biografia di Guido Ferrari

G.C. Agazzi

Nasce a Treviglio ( Bg ) il 9 settembre 1882 ed esercita il mestiere di commerciante di tessuti, secondo un’antica tradizione di famiglia . In giovane età incomincia ad avvicinarsi al mondo della montagna con una notevole passione. Nel 1907 apre una via sulla parete Nord del Pizzo del Diavolo di Tenda. Un’altra via viene da lui aperta sul Pizzo Scais ed un’altra ,nel 1915 , sulla parete Nord del Pizzo Coca , nelle Orobie .Il 23 febbraio 1913 vince lo sci d’oro in occasione delle Gare Nazionali di Sky organizzate dallo Sky Club Bergamo alla Cantoniera della Presolana , in Alta Valle Seriana.Nel 1914 , in compagnia dei fratelli Antonio e Carlo Locatelli, effettua l’attraversata dei Lyskamm , impresa notevole, considerati i tempi e la giovane età .Nei primi anni del ‘900 effettua una salita invernale al Pizzo Redorta , nel corso della quale riporta un importante congelamento alle dita dei piedi . Nel 1929 sale il Bottiglione, una guglia situata ai piedi del Monte Alben in Val Serina, aprendo una via nuova .Nel 1943 effettua una prima salita di una punta del Monte Alben ( quota 1938 m. ) ,aprendo una via nuova.

Va ricordato l’episodio della tragedia dei Laghi Gemelli, quando una valanga , staccatasi nei pressi del versante settentrionale del Passo dei Laghi Gemelli, l’8 dicembre del 1909 travolge una comitiva di otto persone; Battista Oliva muore travolto dalla massa di neve; si tratta del primo skyatore-alpinista caduto in montagna ; altri due skyatori-alpinisti rimangono in seguito all’incidente .Guido Ferrari , in compagnia del fratello Antonio di 29 anni, salendo dalla Val Canale avrebbe dovuto incontrare la comitiva al Passo dei Laghi Gemelli.Insieme al fratello, Guido Ferrari raggiunge Branzi ed organizza i primi soccorsi, dando la notizia della sciagura .Tutti i giornali del tempo parlano dell’incidente ad incominciare dalla Domenica del Corriere . Nel 1910 sposa Ida Stella, prima donna sciatrice iscritta al Club Alpino Italiano di Bergamo .

Allo scoppio del Prima Guerra Mondiale viene chiamato alle armi all’età di 33 anni, abile di terza, come si diceva a quei tempi.Come soldato semplice viene arruolato per tre mesi nel 2° Alpini a Cuneo. Successivamente entra nell’Accademia Militare di Modena, dalla quale esce, dopo sei mesi di Corso Allievi Ufficiali , con il grado di Sottotenente e viene assegnato al 78° Fanteria ; combatte nella zona dell’Ortigara , della Val d’Astico e sul Carso negli anni 1916 e 1917. Nel corso di un'azione sull'Ortigara riesce a sopravvivere insieme ad altri tre ufficilai, dei quali uno rimane feritoI quattro sono gli unici superstiti dell'intero reparto. Partecipa alla ritirata di Caporetto nel 1917. Giunge, durante la ritirata fino a Colorno (PR) in Emilia. Ricorda di essere giunto nei pressi del manicomio del paese, osservato dai malati di mente affacciati alle finestre del nosocomio. Nel corso della ritirata é, talvolta, costretto a minacciare con la pistola in pugno i soldati che gettano le armi e  scappano .Non sopporta l’idea di restare in Fanteria, e per questo fa di tutto per venire trasferito nelle Truppe Alpine tra le sue amate montagne . Così, nel 1917 , con il grado di Tenente, viene assegnato al Battaglione Alpini Mondovì di stanza al Passo del Gavia in Alta Valtellina . Reduce da sanguinose battaglie sui fronti più contesi,alla fine del mese di novembre del 1917 , con i resti del disciolto Battaglione Ceva, il Battaglione Mondovì viene ricostituito con due Compagnie , la Nona e la Decima , ed entra a far parte del Secondo Gruppo della Prima Armata ( 1° Alpini ) . Guido Ferrari nel dicembre del 1917 è all’Aprica per un periodo di riposo ; combatte,poi, nella zona di operazioni Camuna ( Adamello, per un breve periodo ) e nella zona della Alta Valtellina in Valfurva , in particolare sulle montagne della zona del Passo Gavia : Tresero. S. Matteo,Mantello,Cima S. Giacomo,Pedranzini,Dosegu, ed in Valfurva : Passo dei Camosci Alti, Passo dei Volontari,Punta Thurwieser, Trafojer Eiswand, Monte Confinale, Cima della Manzina .Va ricordata l’azione che, su terreno molto difficile, in alta quota, l’11 maggio del 1918 , ha portato all’occupazione della Cima S. Giacomo, partendo dalla Val Cerena in Valfurva. Alla testa di ottanta Alpini , appartenenti alla Nona Compagnia del Battaglione Alpini Mondovì, Guido Ferrari raggiunge la Cima S. Giacomo, importante posizione ai fini della successiva presa del S. Matteo . Da questa posizione , infatti, gli Austro-Ungarici, prima dell’occupazione italiana, riuscivano a colpire le postazioni dei soldati italiani .In seguito al successo dell’azione Guido Ferrari viene decorato con una croce di guerra. Si racconta che durante l'occupazione italiana del S. Matteo Guido Ferrari abbia fatto da intermediario quando fu scoperto che vi erano contatti amichevoli fra i soldati dei due schieramenti. I soldati si conoscevano e si scambiavano generi  alimentari o tabacco. Grazie alla sua mediazione tutto fu messo a tacere, evitando pesanti condanne da parte della Corte Marziale.

E’ un appassionato di fotografia e, così, ama documentare, nei momenti liberi, quanto vede durante la Guerra Bianca. I suoi scatti utilizzano lastrine di vetro stereo e raccontano la crudezza e la durezza della guerra a oltre tremila metri . Purtroppo una notevole quantità delle sue fotografie va perduta nel corso della ritirata di Caporetto. Nel corso della ritirata giunge con i suoi soldati fino a Colorno (PR) in Emilia e si accampa nei pressi del manicomio del paese. E' talvolta costretto a minacciare con la pistola in pugno i soldati  che vorrebbero  gettare il fucile  e disertare. Nel 1918 perde la moglie vittima dell’epidemia di spagnola , una forma di influenza molto grave che miete migliaia di morti .

Guido Ferrari è tra i primi a conoscere l’uso degli sci, che utilizza per gli spostamenti in montagna durante le operazioni belliche . Alla fine del conflitto viene trasferito in Tirolo nelle zone da poco occupate dai soldati italiani .E’ amico dei fratelli Calvi, in particolare di Nino Calvi, di G.M. Bonaldi,figura mitica della Guerra Bianca, del Capitano Gennaro Sora, divenuto,poi, famoso quale eroe del Polo Nord , dei fratelli Antonio e Carlo Locatelli, quest’ultimo caduto sulla Cima Presena nel 1918 . Secondo alcune testimonianze avrebbe dovuto essere con Nino Calvi durante l’ascensione lungo la parete Nord dell’Adamello . Nino Calvi lo contattò per chiedergli di partecipare alla salita, ma, a causa del matrimonio, dovette rinunciare all’impresa. Si racconta della sua amicizia con Cesare Battisti, la cui moglie,insegnante, pare fosse stata trasferita a Treviglio.

Nel 1920 sposa in seconde nozze Ginevra Reduzzi, che, talvolta, lo segue in montagna e che diviene madre dei suoi due figli : Ida e Gianfranco .

Guido Ferrari ha continuato a frequentare la montagna con assiduità anche in età matura. E’ tra i primi bergamaschi ad usare gli sci in montagna insieme ad altri personaggi mitici del mondo della montagna bergamasco quali Perolari, Tavecchi,Sala,Legler ed altri.I primi sky sono comparsi in provincia di Bergamo nel 1900,importati dalla Scandinavia insieme alle prime pelli di foca utilizzate per lo sci-alpinismo .Nel 1938 viene invitato a Milano ad un raduno per i Primi Ascensionisti Invernali sulle Alpi e per i Promotori delle Gare Sciistiche .Effettua svariate e pregevoli salite nelle Alpi, arrampicando pure nelle Dolomiti.Nel corso della Seconda Guerra Mondiale contribuisce ad aiutare la Resistenza, recandosi, talvolta, in bicicletta a Oltre il Colle per far visita al figlio Gianfranco   partigiano. I mezzi utilizzati per raggiungere le valli alpine sono la bicicletta, la motocicletta, il treno o il bus .

Il 1° agosto 1949, all’età di 67 anni, raggiunge la vetta del Cervino percorrendo la via normale italiana.

Nel 1956, durante una riunione degli Alpini a Rivolta d’Adda, viene investito da una motocicletta, riportando un forte trauma cranico; grazie al fisico molto forte, riesce a riprendersi.In seguito al grave incidente rimane affetto da improvvisi episodi di crisi convulsive .Nonostante ciò, continuerà a frequentare la montagna con grande passione .E’ stato Presidente della Sezione dell’ U.N.U.C.I. di Treviglio, Vicepodestà di Treviglio, Podestà di Castelrozzone, Presidente della S.E.T. ( Società Escursionisti Trevigliesi ) e tra i fondatori della Sezione del C.A.I. di Treviglio  Muore a Treviglio il 30 settembre 1972.